Indennità sostitutiva del preavviso a Roma

Il rapporto di lavoro può essere interrotto senza preavviso solo in presenza di giusta causa, quindi di un inadempimento talmente grave da non consentire la prosecuzione neanche momentanea del rapporto.

In tutti gli altri casi, l’interruzione del rapporto di lavoro deve essere invece intimata con il preavviso stabilito dalla contrattazione collettiva di categoria.

Cos’è l’indennità sostitutiva del preavviso

Indennità per mancato periodo di preavviso per il licenziamento: se la parte che intende interrompere il rapporto di lavoro non rispetta il termine stabilito, è tenuta a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso, pari alle retribuzioni che il lavoratore avrebbe percepito se avesse lavorato durante il periodo di preavviso.

Se è il datore a interrompere il rapporto senza rispettare il termine di preavviso, il lavoratore ha diritto alla predetta indennità di mancato preavviso; se è invece il lavoratore a non voler rispettare il preavviso, il datore tratterrà a titolo di indennità sostitutiva, i compensi che spettano al dipendente per il suddetto periodo.

Calcolo dell’indennità di preavviso

Calcolo indennità per mancato periodo di preavviso per il licenziamento: l’indennità sostitutiva del preavviso si calcola sulla base della retribuzione che normalmente il lavoratore percepisce al momento dell’interruzione del rapporto di lavoro.

All’interno della retribuzione di riferimento, devono essere considerate le provvigioni, i premi di produzione, le partecipazioni agli utili, le indennità sostitutive di mensa e di alloggio, gli aumenti contrattuali, gli scatti di anzianità e ogni altro compenso di carattere continuativo, esclusi i rimborsi spese.

In caso di retribuzione totale o parziale con provvigioni, con premi di produzione o con partecipazioni, l’indennità viene calcolata su una media di questi compensi negli ultimi tre anni, o nel minor periodo in cui il lavoratore ha effettivamente svolto la propria attività.

Obbligo del preavviso

I casi di licenziamento e dimissioni per giusta causa sono gli unici in cui non è necessario il preavviso. In tutti gli altri casi di interruzione del rapporto di lavoro, come il giustificato motivo, oggettivo o soggettivo, è previsto un termine di preavviso.

Il giustificato motivo soggettivo, in particolare, non ha una gravità tale da giustificare il mancato preavviso essendo un inadempimento agli obblighi contrattuali di gravità minore rispetto a quello che configura la giusta causa.

Casi in cui il datore di lavoro è obbligato a pagare l’indennità sostituiva del preavviso

Indennità per mancato periodo di preavviso per il licenziamento o per le dimissioni: Vi sono quindi delle ipotesi in cui il datore di lavoro è obbligato a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso:

  • in caso di morte del lavoratore;
  • in caso di licenziamento senza giusta causa successivamente dichiarato illegittimo o “convertito” dal giudice in licenziamento per giustificato motivo, con obbligo di preavviso.

I casi di dimissione del lavoratore per i quali il datore di lavoro è obbligato a pagare l’indennità sono:

  • dimissioni per giusta causa (mobbing, mancata retribuzione ecc.)
  • nessuna indennità è invece dovuta per le dimissioni del lavoratore o della lavoratrice in occasione del matrimonio.

Da anni lo Studio Legale Flaminio opera a Roma; specializzato nella difesa dei lavoratori ed ha assistito, nel tempo, i dipendenti dei principali enti pubblici e delle più importanti realtà industriali del paese, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale.

Contattaci senza impegno, via mail o telefonicamente.

Indennità sostitutiva del preavviso a Roma e Pomezia – info dallo Studio Legale Flaminio

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Contattaci per richiedere informazioni cliccando sul bottone.
Oppure leggi le recensioni dei nostri clienti e scopri cosa pensano di noi.

Dicono di noi

Vediamo cosa dicono di noi alcuni clienti e che si sono affidati allo Studio Legale Flaminio di AvvocatoLavoroRoma.it e hanno ottenuto quello che gli spettava.

Mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio per un problema con il mio datore di lavoro; gli avvocati sono stati disponibili e per fortuna hanno risolto il problema. Non posso che consigliarli.

Il datore di lavoro voleva trasferirmi, senza motivo, in un'altra sede, temevo non si potesse far nulla; gli avvocati sono invece riusciti a far ritirare il trasferimento. Che dire, la mia esperienza è stata più che positiva.

L’azienda non mi pagava il t.f.r.; su consiglio di un amico mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio; ho trovato dei professionisti disponibili e preparati che hanno risolto rapidamente il mio problema.

Ottimo Studio Legale, avvocati molto competenti.

Mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio, conoscendone personalmente gli avvocati; come mi aspettavo sono riusciti a farmi ottenere quanto dovuto. Non posso che consigliarli.

Non percepivo lo stipendio da mesi, per questo mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio. Li consiglio senz’altro per la loro professionalità.

Avvocati disponibili e preparati; hanno risolto il problema per cui li avevo contattati.

L’azienda per cui lavoravo non mi pagava la quattordicesima, nonostante fosse prevista dal contratto collettivo; mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio che ha saputo risolvermi il problema, facendomi ottenere quanto mi spettava.  Lo consiglio.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni sui servizi offerti dallo studio, compila questo modulo. TI ricontatteremo appena possibile.

Tel. +39 06 5655 9821
info@avvocatolavororoma.it

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Lungotevere Flaminio, 26
00196 Roma (RM)

Mettiti in contatto con noi per una consulenza.