Riconoscimento lavoro subordinato a Roma

Il lavoro subordinato rappresenta quel rapporto di lavoro caratterizzato dall’assenza di autonomia del lavoratore nell’eseguire la prestazione di lavoro.

Cos’è il lavoro subordinato?

Il fatto che il lavoratore sia assoggettato al potere direttivo, disciplinare e di controllo del datore di lavoro rappresenta il criterio distintivo tra un rapporto di lavoro subordinato e il lavoro autonomo.

Spesso accade che i rapporti lavorativi configurati come autonomi si traducano in veri e propri rapporti di natura subordinata e per tutelare il lavoratore nell’ottenere il riconoscimento del lavoro subordinato, il legislatore e la giurisprudenza hanno individuato i criteri per una corretta qualificazione del rapporto, a prescindere da come le parti lo abbiano definito.

Nel nostro ordinamento è in vigore il principio di indisponibilità del tipo contrattuale, ovvero la scelta del contratto di lavoro deve rispettare le caratteristiche del rapporto di lavoro che si intende instaurare.

Se il lavoratore viene assunto per svolgere una prestazione che ha i caratteri della subordinazione, le parti devono stipulare un contratto di lavoro subordinato e non possono fare diversamente.

Il principale tra gli indici della subordinazione è l’eterodirezione, o subordinazione tecnico-funzionale, cioè il vincolo di natura personale che assoggetta il lavoratore al potere direttivo del datore, con conseguente limitazione alla sua autonomia; a questo segue lo stabile inserimento nell’organizzazione dell’impresa, cioè il lavoratore deve essere stabilmente inserito in azienda.

Elementi quali l’obbligo di osservare un orario di lavoro, l’assenza di rischio d’impresa, la retribuzione fissa e periodica, l’utilizzo di strumenti di lavoro aziendali e lo svolgere la prestazione in ambienti messi a disposizione dal datore di lavoro, definiti indici accessori, sono sussidiari.

Nei casi in cui la prestazione ha natura particolare e l’attività di indagine del Giudice circa la sussistenza della etero-determinazione si riveli più complessa, infatti, per esempio nelle prestazioni di natura intellettuale, la prova fornita dagli indici sussidiari assume valore discriminante.

Come dimostrare il lavoro subordinato?

Dimostrare il lavoro subordinato: se un lavoratore vuole ottenere il riconoscimento della subordinazione del rapporto dovrà dimostrare, con prove testimoniali e documentali, per dimostrare, ad esempio:

  • gli ordini impartiti dal datore;
  • gli ordini di servizio;
  • le prescrizioni fornite dall’azienda su come lavorare;
  • i procedimenti ed i provvedimenti disciplinari subiti;
  • il compenso fisso e mensile;
  • l’orario di lavoro fisso, l’utilizzo di un badge e/o eventuali email inviate dal proprio account aziendale etc.

Se il giudice riterrà valide le prove fornite a dimostrazione della natura subordinata del rapporto, accoglierà il ricorso, con tutte i vantaggi conseguenti per il lavoratore.

Da anni lo Studio Legale Flaminio opera a Roma; specializzato nella difesa dei lavoratori, ha assistito, nel tempo, i dipendenti dei principali enti pubblici e delle più importanti realtà industriali del paese, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale.

Se hai necessità di intraprendere un’azione legale o desideri chiarimenti sulla tua situazione, contatta lo Studio senza impegno, via mail o telefonicamente, ed inizia subito a far valere i tuoi diritti!

Riconoscimento del lavoro subordinato a Roma e Pomezia – info dallo Studio Legale Flaminio

CONSULENZA

Vuoi chiedere maggiori info?

Contattaci per richiedere informazioni cliccando sul bottone.
Oppure leggi le recensioni dei nostri clienti e scopri cosa pensano di noi.

Dicono di noi

Vediamo cosa dicono di noi alcuni clienti e che si sono affidati allo Studio Legale Flaminio di AvvocatoLavoroRoma.it e hanno ottenuto quello che gli spettava.

Mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio per un problema con il mio datore di lavoro; gli avvocati sono stati disponibili e per fortuna hanno risolto il problema. Non posso che consigliarli.

Il datore di lavoro voleva trasferirmi, senza motivo, in un'altra sede, temevo non si potesse far nulla; gli avvocati sono invece riusciti a far ritirare il trasferimento. Che dire, la mia esperienza è stata più che positiva.

L’azienda non mi pagava il t.f.r.; su consiglio di un amico mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio; ho trovato dei professionisti disponibili e preparati che hanno risolto rapidamente il mio problema.

Ottimo Studio Legale, avvocati molto competenti.

Mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio, conoscendone personalmente gli avvocati; come mi aspettavo sono riusciti a farmi ottenere quanto dovuto. Non posso che consigliarli.

Non percepivo lo stipendio da mesi, per questo mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio. Li consiglio senz’altro per la loro professionalità.

Avvocati disponibili e preparati; hanno risolto il problema per cui li avevo contattati.

L’azienda per cui lavoravo non mi pagava la quattordicesima, nonostante fosse prevista dal contratto collettivo; mi sono rivolto allo Studio Legale Flaminio che ha saputo risolvermi il problema, facendomi ottenere quanto mi spettava.  Lo consiglio.

Contattaci

Se vuoi maggiori informazioni sui servizi offerti dallo studio, compila questo modulo. TI ricontatteremo appena possibile.

Tel. +39 06 5655 9821
info@avvocatolavororoma.it

Dal Lunedi al Venerdi
9:00 - 19:00

Lungotevere Flaminio, 26
00196 Roma (RM)

Mettiti in contatto con noi per una consulenza.